logo itinera spa
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : £0.00
View Cart Check Out

Articoli CUS Ad Maiora Rugby

Prima gioranta di serie A: KO maschile e femminile. La 16 vola in Elite

Debutto non positivo, al ritorno in serie A, per l’Itinera CUS Ad Maiora Rugby 1951, che allo Stadio Carlini è stato superato per 55-20 dal CUS Genova nel derby universitario. I ragazzi di coach Lucas D’Angelo sono stati obbligati a inseguire già al 4′, quando, dopo ripetute fasi con gli avanti i liguri hanno varcato la linea con Taylor (5-0). All’8 con un’azione alla mano i padroni di casa sono andati nuovamente a segno con Garaventa (10-0). Al 12′, su spinta della maul, Novello si è staccato e ha accorciato le distanze (10-5). I genovesi al 16′ si sono però allontanati nuovamente con Bertirotti (15-5) e al 27′ Reeves dalla piazzola ha centrato i pali (15-8). Allo scadere una meta torinese è stata annullata per “in avanti”. Primi 40′ tutto sommato equilibrati, quindi. Nella ripresa il divario si è ampliato. Alla meta locale al 6′, merito di Baldelli e trasformata da Borzone (22-8), ha replicato al 9′ Reeves, dopo un’incursione di Dezzani (22-13). Poi il CUS Genova si è involato con le mete di Baldelli al 15′, Ricca al 19′, Pendola al 23′ e Minoletti al 31′, tre delle quali trasformate da Borzone (48-13). La terza segnatura, opera di Novello al 36′, su maul partita ai 22 metri, e trasformata da Failla (48-20) non è bastata per conquistare almeno il punto bonus. Al 37′ è arrivato il sigillo di Migliorini, con trasformazione di Borzone, che ha dato la veste definitiva al risultato (55-20). Nelle altre partite del girone 1 il Sitav Rugby Lyons ha regolato per 28-5 la Pro Recco e il TKGroup Rugby Torino ha rimontato e sconfitto per 29-26 l’Accademia Nazionale Ivan Francescato.

Tabellino:

CUS Genova vs Itinera CUS Torino 55-20 (15-8)

Marcatori: p.t. 4′ m. Taylor (5-0); 8′ m. Garaventa (10-0); 12′ m. Novello (10-5); 16′ m. Bertirotti (15-5); 27′ cp. Reeves (15-8); s.t. 46′ m. Baldelli, tr. Borzone (22-8); 49′ m. Reeves (22-13); 55′ m. Baldelli, tr. Borzone (29-13); 59′ m. Ricca, tr. Borzone (36-13); 63′ m. Pendola, tr. Borzone (43-13); 71′ m. Minoletti (48-13); 76′ m. Novello, tr. Failla (48-20); 77′ m. Migliorini, tr. Borzone (55-20).

CUS Genova: Borzone, Salerno, Sandri (64′ Gambelli), Ricca, Minoletti, Zini (68′ Migliorini), Garaventa (64′ Cirianni), Mills, Bertirotti, Baldelli, (64′ Di Vietro), Taylor (60′ Pendola), Imperiale, Cavallero (60′ Barry), Perini, (64′ Bortoletto), Ghiglione (47′ Cattaneo). All: Diego Galli

CUS Torino: Failla, Dezzani, Sacco, Lopez Bontempo (52′ Grillotti), Lozzi (56′ Cisi), Reeves (74′ Lopez Bontempo), Mantelli (65′ Morabito), Ursache (56′ Fatica), Merlino, Spinelli, Perrone, Toresi (71′ Polla), Modonutto (65′ Ciampaglia), Racca (60′ Martina), Novello. All: Luca D’Angelo

Arbitro: Munarini

Cartellini: 73′ giallo Imperiale

Calciatori: Borzone 6/10, Reeves 1/3, Failla 1/1

Punti conquistati: CUS Genova 5, CUS Torino 0.

Esordio anche per la squadra femminile di serie A, che al centro sportivo Angelo Albonico ha ceduto per 52-0 alle vicecampionesse d’Italia del Colorno. Le ragazze guidate da Wady Garbet e Davide Notario si sono schierate con Piovano (4′ st Romano), Pantaleoni (23′ pt Croce), Monica Bruno, Sarasso, Guerreschi, Rochas (17′ st Pecci), Giulia Bruno (27′ st Francesca Guaia), Gai, Sparavier (23′ st Ponzio), Scotto, Calligaro, Masera, Salvatore (20′ st Pagano), Zini (33′ st Seita), Maietti (1′ st Barbara Tombolato). Il tecnico Cristian Prestera ha mandato in campo Fontanella, Bonaldo, Cioffi, Sillari, Verini (16′ st Fiorelli), Madia (17′ st Cagali), Violi (37′ st Colicchia), Sgorbini, Franco (23′ st Vivoda), Campanini, Merlo, Sberna, Giacomoli, Appiani (12′ st Tounesi), Turani (8′ st Casolin). A disposizione Di Masi, Ranuccini. Ha diretto Giovanni Fulgoni di Milano.

Le ospiti, che potevano contare sulle nazionali Bonaldo, Campanini, Cioffi, Giacomoli, Madia, Sillari e Tounesi, hanno subito preso possesso della metà campo avversaria e sono passate in vantaggio al 2′ con una multifase finalizzata all’ala da Cioffi, con successiva trasformazione di Sillari (0-7). Le parmensi hanno continuato ad attaccare e le cussine si sono difese con ordine. Al 16′, però, Verini è fuggita sulla sinistra e Piovano non è riuscita a fermarla in tempo (0-12). Quattro minuti dopo è andata a segno anche Appiani e Sillari ha calciato in mezzo ai pali l’addizionale (0-19). Le biancoblù al 22′ non hanno sfruttato una touche sui 22 metri. Al 25′ Franco ha preso palla ed è volata in meta sulla fascia. Ottima ancora Sillari al piede, da posizione decentrata (0-26). Intorno alla mezz’ora le padrone di casa hanno spinto con maggiore decisione, con una bella azione portata avanti da Rochas, Salvatore e Scotto, in prossimità della linea. Sul placcaggio hanno dialogato Croce e Masera ma un “in avanti” ha costretto alla ripresa con una mischia ai 5 metri, che il Colorno ha vinto, liberando. Anche la touche successiva rimessa dalle locali non ha sortito effetto. Il punteggio non è più cambiato fino all’intervallo.

Nel secondo tempo al 2′ è scattata Cioffi e Croce l’ha stoppata da ultimo baluardo. Niente da fare, invece, al 7′ sull’inserimento di Violi, che è andata a schiacciare indisturbata. Sillari ha trasformato (0-33). Al 10′ sono state ammonite Sparavier e Franco. Il prosieguo ha visto il Colorno costantemente in avanti e le locali brave a contrarle. Le neoentrata 18enne Alice Vivoda ha festeggiato il suo esordio in serie A al 28′, concretizzando l’avanzamento della maul. A bersaglio l’addizionale di Sillari (0-40). C’è stato ancora il tempo per la meta di Bonaldo al 32′ (0-45) e per quella in velocità di Fiorelli al 35′, che Sillari si è incaricata di trasformare (0-52). È stato l’ultimo sussulto di un match che la squadra di Prestera ha dominato, lasciando alle avversarie poche opportunità di mettersi in evidenza in attacco. In difesa, a dispetto dei punti incassati, le cussine si sono invece disimpegnate bene.

Prima della sfida femminile a Grugliasco l’Under 16, guidata in panchina da Nicholas Epifani, ha battuto l’Amatori & Union Rugby Milano per 10-5. Era l’ultimo barrage per salire in Elite e dunque i torelli hanno centrato l’obiettivo con il XV composto da Forneris, Mazzucco, Toniolo, Caminiti, Bartoletti, Piunno, Medda, Riccardi, De Luca, Di Pierro, Cecati, Capponi, De Boni, Giusti, Lyazil. In panchina Reverso Peila, Belibou, Depalo, Iula, Leonardi, Boglio, Genovese. Per gli ospiti Saita, Stagno, Berbenni (25′ st Ettore Stabile), Alì, Fiorito, Terenghi (23′ st Tackney), Maresca, Casabianca (11′ st Rocco Stabile), Arnaboldi, Caprani, Carozzo, Curti (4′ st Lazzerini), Borghese (26′ pt Lanzi), Fossati, Spina (1′ st Pignataro). A disposizione Spagnolo. Ha arbitrato Antonio Luzza di Torino.

Si è assistito a una sfida intensa e lottatissima, fra due compagini che volevano prevalere a tutti i costi. Al 2′ l’ha sbloccata Piunno su punizione (3-0). I biancoblù all’11’ hanno avuto a disposizione una touche ai 15 metri e l’hanno vanificata con un “in avanti”. Sugli attacchi dei milanesi sono sempre stati bravi a chiudere tempestivamente. Al 13′ e al 19′ ancora due rimesse ai 22 non sono state sfruttate adeguatamente. La tensione in campo era palpabile, per l’importanza della posta in palio, e gli errori non sono mancati da una parte e dall’altra. Non hanno sbagliato i cussini al 24′ quando, sugli sviluppi di una mischia ai 10 metri, l’ovale è stato gestito mirabilmente alla mano e Toniolo è stato autore dell’ultimo passaggio per Giusti, che ha varcato la linea. La trasformazione di Piunno ha siglato il 10-0. I milanesi si sono riversati nella metà campo locale, trovando però una linea impenetrabile, pronta ad arginarli e a rilanciare.

L’inizio di ripresa è stato di marca lombarda e una meta di Maresca non è stata concessa per palla tenuta alta. Al 3′ Saita ha commesso “in avanti” a un metro dalla linea. Sulla mischia ai 5 metri il CUS è stato abile ad alleggerire la pressione. Al 9′ il cartellino giallo a Fiorito ha lasciato l’Amatori & Union in 14. Piunno al 17′ ha avuto la chance di incrementare il margine, ma ha fallito un piazzato da comoda posizione. I milanesi hanno creduto fino alla fine nella rimonta e una bella sortita di Stagno al 27′ è stata bloccata ai 22. Maresca ho trovato la metà al 29′, era però troppo tardi per sperare in qualcosa di più (10-5). Nel barrage più difficile e delicato della serie, i ragazzi di Epifani hanno tenuto bene il campo e sono riusciti a mantenere i nervi più saldi degli avversari. Alla fine tutto ha contribuito a fare la differenza e il sogno di andare in Elite anche quest’anno si è trasformato in una bellissima realtà.

I Bulls di Dragos Bavinschi e Francesco Narcisi all’Albonico, nel primo impegno stagionale in serie C, hanno perso per 33-28 contro lo Stade Valdotain, con le mete di Alotto, Campi, Terranova e Caputo e quattro trasformazioni di Terranova.

L’Under 18 di Luis Otaño e Manuel Musso sul terreno di casa ha prevalso in amichevole per 22-5 sul Monferrato, con due mete di Brum Dutra, una a testa di Gallo e Speranza e una trasformazione di Bartoletti. L’Under 14 di Alberto Carbone e Paolo Martina, alla prima uscita in campionato, ha avuto la meglio sull’Asti per 12-10.

Leave a Reply