logo itinera spa
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : £0.00
View Cart Check Out

Articoli CUS Ad Maiora Rugby

L’Itinera CUS Ad Maiora femminile festeggia la vittoria sul Monza e la convocazione in Nazionale di Silvia Gai

La squadra femminile di serie A dell’Itinera CUS Ad Maiora Rugby 1951, allenata da Wady Garbet e Davide Notario, domenica ha vissuto una bellissima giornata, grazie alla vittoria per 12-0 sul blasonato Monza 1949, che finora aveva sempre battuto le biancoblù. Un motivo d’orgoglio che è andato a sommarsi a quello della convocazione di Silvia Gai nel gruppo delle 23 azzurre, che sarà in raduno da domani a Biella con il ct Andrea Di Giandomenico, in vista del test match di domenica, allo Stadio Lamarmora-Pozzo, contro la Francia. La speranza è di ritagliarsi un posto nel prossimo Sei Nazioni, per seguire le orme della compagna Monica Bruno, l’ultima cussina a partecipare alla manifestazione nel 2014. Anche Carlotta Guerreschi lo scorso gennaio era stata presa in considerazione da Di Giandomenico, salvo poi non essere inserita nel novero delle 25 prescelte per il debutto contro il Galles.

La 21enne terza linea, che è studentessa al terzo anno di Design e Comunicazione Visiva, indirizzo grafico, al Politecnico, è tesserata per il Liceo Monti, e, grazie al progetto di tutoraggio, fa parte della compagine cussina, con cui si allena in settimana e disputa le partite di campionato ogni domenica. «Questa chiamata – racconta Gai – per me è stata un’autentica sorpresa. In passato avevo già partecipato a qualche raduno di selezione, ma non c’era mai stata alcuna convocazione ufficiale. C’è l’intenzione di provare delle giovani e sono felice che il ct abbia pensato a me, per di più in un periodo molto positivo per la società del CUS e per la squadra. In questi anni penso di essere cresciuta e le quattro stagioni in serie A, la prima al Monza e le altre tre al CUS Torino, mi hanno aiutata molto da questo punto di vista. Ho iniziato a giocare a rugby a 14 anni in prima superiore al Liceo Monti a Chieri, dove ho frequentato l’indirizzo linguistico. Lo praticava già mio fratello Paolo, che ha due anni più di me. La mia scuola si è poi affiliata alla Federazione e ho cominciato a giocare la Coppa Italia a 7, prima di andare al Monza con il tutoraggio».

Per le sue doti di sfondamento Silvia nell’ambiente è soprannominata “bufalo”:«Gli amici mi hanno chiamato così fin dal primo anno di rugby e ormai è un nomignolo che mi porto dietro e al quale sono affezionata. Sono una che quando ha la palla in mano abbassa la testa e va dentro, caricando senza paura. Cerco di guadagnare più terreno possibile. Non segno molto, ma creo le condizioni utili per mandare in meta le compagne più veloci. Il ruolo che mi piace di più è il terza centro, che non è chiuso in mischia e ha il compito di comandare il pacchetto, direzionando la spinta. Tatticamente è importante per decidere cosa fare della palla in uscita. Il rugby mi piace molto, perché esalta lo spirito di squadra, molto più degli altri sport. Quando ero piccolina ho nuotato per parecchi anni e non amavo l’individualità. Idoli nella palla ovale? Come modello di giocatrice ho sempre avuto la flanker inglese Heather Fisher, che ha disputato la Coppa del Mondo e le Olimpiadi di Rio. È anche un bel personaggio (ha lottato con successo contro l’anoressia da ragazzina e soffre di alopecia, ndr)».

Obiettivi per Biella? «Faccio parte – spiega – delle quattro terze linee convocate. Elisa Giordano e Isabella Locatelli hanno già parecchi caps, mentre io e Beatrice Veronese siamo esordienti. Parto molto umile e senza troppe aspettative. Darò il massimo nel raduno e spero di trovare il mio spazio». Con l’Itinera, che dopo sei giornate è quinto con 13 punti, Silvia si sta prendendo delle gran belle soddisfazioni: «Quest’anno siamo partiti con il piede giusto. Ci stiamo allenando bene e in partita riusciamo a tradurre il lavoro svolto in settimana. Nella scorsa stagione abbiamo avuto parecchi infortuni e gradualmente le compagne stanno tutte recuperando. Anche le ragazze nuove stanno aiutando la crescita, insomma abbiamo un gruppo ampio che ci permette di guardare a futuro con ottimismo. Proveremo ad arrivare il più in alto possibile. Abbiamo già raggiunto dei traguardi, che l’anno scorso sembravano lontani».

Come per esempio battere il Monza, che domenica Silvia ha affrontato da ex, come, tra le altre, la capitana Elisa Rochas e Ottavia Piovano, l’autrice della seconda meta con un coast-to-coast entusiasmante all’ala. «Ci abbiamo messo una grande determinazione, che talvolta ci era mancata, – sottolinea Gai – e nessuna di noi in campo ha mai mollato, neppure per un secondo. Avevamo tutte una feroce voglia di vincere e siamo state ricompensate dal risultato. Ora vogliamo continuare a progredire e il prossimo step potrebbe essere quello di ridurre il gap che ci separa da Valsugana e Colorno. Non sarà facile, ma il lavoro non ci spaventa». Il campionato si fermerà per un weekend e tornerà domenica 26 novembre, con le cussine impegnate alle ore 14,30 in casa del Rugby Cogoleto & Province dell’Ovest.

Sabato l’Under 14 sarà a Grugliasco per affrontare alle 16,30 l’Avigliana. In mattinata, dalle 9,30 alle 12, il Settore Propaganda parteciperà a un concentramento a Biella con l’Under 6, l’Under 8 e l’Under 10 e a uno a Volvera con l’Under 12. Domenica alle 11,30 l’Under 18 territoriale di Luis Otaño, Sergiu Ursache e Manuel Musso sarà a Moncalieri e alle 13 l’Under 16 Elite di Nicolas Epifani e Roberto Modonutto, dopo il grande successo sul Calvisano, ospiterà il Viadana.

Leave a Reply