shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : £0.00
View Cart Check Out

Articoli CUS Ad Maiora Rugby

Le squadre seniores maschile e femminile del CUS Ad Maiora in attesa della ripresa

Lo si era detto che il pronostico era aperto a qualsiasi risultato. Nessuna sorpresa, dunque, che il derby torinese di serie B sia andato al VII. Quando si affrontano prima e seconda può accadere di tutto e nel secondo tempo i padroni di casa hanno ribaltato la situazione, dopo che nel primo tempo era sempre stato in vantaggio il CUS Ad Maiora Rugby 1951.

«È stata una partita – commenta coach Lucas D’Angelo – in cui non abbiamo avuto molto possesso e non siamo riusciti a esprimere il gioco che avevano fatto in altre occasioni. Abbiamo disputato quasi tutto il secondo tempo senza la palla in mano. Siamo stati un po’ in difficoltà nella redistribuzione difensiva, eravamo un po’ troppo schiacciati in occasione dei punti d’incontro. Ci sono alcune situazioni da rivedere assieme ai ragazzi per trarne i giusti insegnamenti. Di positivo salvo i momenti in cui abbiamo avuto l’ovale e abbiamo prodotto gioco a buon ritmo, andando a segnare. Il rientro di Alberto Dezzani è stato molto utile per dare profondità alla linea dei trequarti. Anche l’apporto di Federico Ferrari, autore di due mete, è stato significativo e mi è piaciuta la prestazione dei 18enni che sono andati in campo. Il gruppo degli atleti di riferimento, insomma, si è ampliato. La classifica è rimasta sostanzialmente la stessa, perché manteniamo sette lunghezze di vantaggio. È stata molto importante la meta che abbiamo segnato a fine match e ci ha permesso di conquistare il bonus. Nel doppio scontro diretto con il VII siamo avanti di un punto, avendo vinto all’andata di sette (23-16) e avendo perso di sei (22-28), e questo conterà qualora dovessimo arrivare a pari merito».

Gli universitari hanno subìto la terza battuta d’arresto, a fronte di undici vittorie, e il bilancio rimane molto positivo. «È stata solo una delle sfida di questa stagione – afferma il tecnico – e ha contribuito a confermare che non esiste una dominatrice e il campionato è livellato. Come ho sempre sostenuto, bisogna sempre prestare attenzione a tutti gli avversari. Dopo la pausa, domenica 5 marzo, ospiteremo il CUS Milano, che in casa sua ci ha battuti, e dovremo fare molta attenzione. Questa settimana si svilupperà normalmente con quattro allenamenti e la squadra avrà libero solo il weekend». È in sosta anche la compagine femminile di serie A, che riprenderà addirittura domenica 26 marzo alle ore 15,30, ricevendo al centro sportivo Angelo Albonico il Valsugana, capolista con il Colorno, ultimo avversario delle biancoblù nel match perso per 34-10. «A livello caratteriale ed emotivo – ricorda l’allenatore Wady Garbet – sono soddisfatto di quella gara, perché, a differenza di altre partite, le ragazze erano belle cariche e concentrate fin dal primo minuto. Entrambe le squadre hanno lottato fisicamente, a tratti anche troppo. Abbiamo pagato l’inesperienza e su tre errori abbiamo incassato altrettante mete. Inseguire non è mai facile, comunque abbiamo dato battaglia fino alla fine ».

Il periodo d’interruzione del campionato viene utilizzato per continuare ad allenarsi a buon ritmo. «Stiamo lavorando – spiega Garbet – sia sulla tecnica individuale sia sul movimento generale e proseguiremo su questa strada, per arrivare pronti alla gara contro le vincitrici degli ultimi due scudetti. Colorno e Valsugana sono due bellissime compagini. Forse il Colorno è più organizzato e più forte individualmente, mentre il Valsugana è veramente compatto come squadra. Andremo in campo preparati a giocarcela fino al termine e spero di vedere ancora qualcosa in più rispetto a Colorno. Purtroppo un infortunio ci ha privati di un’atleta importante come Monica Bruno per tutta la stagione. Le altre, a parte qualche acciacco, ci saranno. Ho un gruppo numeroso su cui contare e ci tengo a ringraziare le società “tutorate”, che sono sempre disponibili a darci una mano. A questo proposito, sto valutando la possibilità di effettuare qualche altro inserimento in rosa». Questa sera l’allenamento sarà ripreso dalle telecamere della Tgr Piemonte e le immagini saranno trasmesse con le interviste alla responsabile della sezione rugby cussina femminile Giulia Dal Piaz, alla capitana Elisa Rochas e all’ala Carlotta Guerreschi, fresca di convocazione al raduno della Nazionale prima dell’esordio nel 6 Nazioni. Il servizio sarà realizzato dalla giornalista Milena Boccadoro, in vista di “Just the Woman I am”, l’evento che si svolgerà domenica 5 marzo in piazza San Carlo, a favore della ricerca universitaria sul cancro.

Sabato alle 16 una Under 14 sarà impegnata a Grugliasco contro il Volvera e l’altra domenica giocherà in Lombardia. Sabato alle 18 l’Under 16 Elite farà visita al Lecco e domenica alle 11,30 l’Under 18 territoriale affronterà in trasferta il Moncalieri.

Leave a Reply