logo itinera spa
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : £0.00
View Cart Check Out

Articoli CUS Ad Maiora Rugby

Alessandro Alparone contro il Valsugana

CUS Ad Maiora battuto dal Valsugana (23-30). Femminile sconfitta dal Monza (0-41)

Il CUS Ad Maiora Rugby 1951 perde a Padova contro il Valsugana (23-30) una partita equilibrata e riesce comunque a ottenere un punto bonus che tiene ancora viva la speranza di conquistare la salvezza. Partono bene i ragazzi di coach Lucas D’Angelo, che si portano in vantaggio al 3′ con un piazzato di Bombonati (0-3). Al 5′, però, i padovani vanno in meta con Caporello e Paluello trasforma (7-3). Una punizione di Paluello al 14′ amplia il margine per il Valsu, ma al 19′ Bombonati dalla piazzola riduce le distanze (10-6). La meta di Girardi e l’addizionale di Paluello al 22′ spingono i padroni casa sopra il break (17-6). Gli ospiti reagiscono d’orgoglio e prima una meta di Dezzani, trasformata da Bombonati, e poi un calcio del numero 10  allo scadere ricuciono quasi integralmente il gap. Si va al riposo sul 17-16, con i giochi completamente riaperti.

Nella ripresa ancora Paluello al 12′ conferma la sua precisione al piede (20-16). Determinante al 25′ l’ammonizione a Friggeri, che lascia i cussini in 14 contro 15. Nei successivi nove minuti si decide tutto, con le mete di Ramirez e Paparone (30-16). Gli universitari concludono all’attacco, andando a caccia almeno del bonus, e lo trovano nel finale con una segnatura di Ursache, trasformata da Bombonati (30-23). Un buon CUS, comunque, capace di tenere bene in mischia e di farsi valere anche in touche. Quando i match sono combattuti è destino che siano gli episodi a fare la differenza e l’inferiorità numerica nella fase calda pesa nella sconfitta biancoblù. Nelle altre partite del girone, successi del Lumezzane per 21-15 sul Rugby Udine e del Valpolicella per 29-10 sul Paese, per una classifica che vede Lumezzane e Udine a 24 punti, Valsugana a 23, Valpolicella a 22, CUS Torino a 15 e Paese a 12.

Tabellino:

 

Valsugana Rugby Padova v CUS Torino Finale 30-23 (pt. 17-16)

 

Marcatori: Pt: 2’ cp. Bombonati (0-3), 5’ mt. Caporello tr. Paluello (7-3), 14’ cp. Paluello (10-3), 19’ cp. Bombonati (10-6), 22’ mt. Girardi tr. Paluello (17-6), 39’ mt. Dezzani tr. Bombonati (17-13), 40 cp. Bombonati (17-16). St: 12’ cp. Paluello (20-16), 26’ mt. Ramirez (25-16), 34’ mt. Paparone (30-16), 40’ mt. Ursache tr. Bombonati (30-23)

 

Valsugana Rugby Padova: Paluello, Ferro (26’ st. Betteto),  Dell’Antonio, Calderan, Giacon (35’ st. Frezza), Stevens, Memo (9’ st. Giallongo), Girardi, Caldon (cap.) (19’ st. Chimera), Ramirez (26’ st. Trevisan), Sironi, Cazzola, Varise (15’ st. Paparone), Pivetta, Caporello (38’st. Chinchio). A disposizione: Mazzini. All. Polla Roux

 

CUS Torino: Dezzani, Amadasi (30’ st. Bandieri), Spaliviero, Monfrino, Lozzi, Bombonati, Mantelli, Merlino, Alparone (9’st. Perrone), Spinelli, Ursache, Malvagna (35’st. Fatica), Friggeri, Racca (28’st Martina), Modonutto. A disposizione: Novello, Tomaselli, Tinebra, Fofana. All. Lucas D’Angelo

 

Arbitro: Bertelli

 

Man of the Match: Ramirez

 

Punti conquistati in classifica: Valsugana Rugby Padova – CUS Torino 5 – 1

 

Note: st. 25’ giallo Friggeri

Al centro sportivo Angelo Albonico la compagine femminile di serie A cede con onore alla capolista Monza per 41-0, dopo aver terminato il primo tempo sotto per 19-0. Alla guida c’è Wady Garbet, che schiera Sarasso (20′ st Giulia Bruno) estrema, Piovano (30′ st Colò) e Sandra Guaia (25′ st Ertola) ali, Monica Bruno e Romano centri, Rochas apertura, Francesca Guaia (10′ st Fini)  mediano di mischia, Gai, Sparavier (30′ st Sparavier) e Scotto in terza linea, Masera e Belloli (20′ st Maietti) in seconda, Salvatore e Malisan (25′ st Zini) piloni e Hu tallonatrice. A disposizione Pantaleoni. I Bulls di C battono per 19-7 a Genova l’Amatori. La prima meta è locale, poi vanno a bersaglio Gallo e Gattiglio, con una trasformazione di Notario, e a metà gara il punteggio è di 12-7. Nel secondo tempo c’è equilibrio e i biancoblù difendono alla grande in almeno tre occasioni a pochi metri dalla linea. La reazione porta alla meta di Polla, trasformata da Notario, per il bel successo in terra ligure.

A Grugliasco l’Under 16 Elite di Dragos Bavinschi riesce finalmente a giocare bene primo e secondo tempo e supera l’Asr Milano per 35-10. In campo per i cussini Tarchiani (12′ st Morea), Fiandanese (23′ st Emanuele Lozzi), Morando (28′ st Brunello), Bernardini, Alves (23′ st Vittorio Denunzio), Bellazzo, Vernero, Brum Dutra, Massaro, Gallo, Summonte (16′ st Di Luna), Zanini, Fois, Roberto (1′ st Speranza), Bava (4′ st Gurlan). Il coach ospite Elio Tascone si affida a Williams, Rossi (1′ st Rughini), Massari, Raveggi, Santambrogio, Bozzini, Suarez, Corsi, Camera, Anfurio (8′ st Bertoni), Volpi (23′ st Montalto), Garufi(28′ st Fabbrini), Hasa, De Filippis (1′ st Torchio), Ferrari. In panchina Pomati e Ciarchi. Dirige Giovanni Siciliano di Ivrea. I padroni di casa passano in vantaggio già al 1′ con Gallo che avanza e scarica su capitan Brum Dutra, bravo a correre a perdifiato verso la meta. Bellazzo trasforma per il 7-0. I milanesi vanno a segno al 4′ con la maul, sugli sviluppi di una touche, e si rifanno sotto (7-5). Al 7′ Morando viene ammonito per placcaggio pericoloso e al 14′ Corsi firma il sorpasso (7-10).

I biancoblù reagiscono prontamente e una palla conquistata da Bernardini viene smistata nelle mani di Fiandanese e Morando, appena rientrato, che va a schiacciare. L’addizionale di Bellazzo fa 14-10. Trascorrono due minuti e Gallo scatta dalla sua metà campo e con uno sprint irresistibile termina ancora oltre la linea. Bellazzo al piede arrotonda (21-10). Memori della rimonta subita a Lecco domenica scorsa, i locali non allentano la pressione e al 6′ della ripresa ancora Gallo va a depositare in mezzo ai pali, agevolando la trasformazione di Bellazzo (28-10). Una pericolosa touche dei milanesi sui 5 metri d’attacco frutta al 18′ una palla fuori dalla maul a Torchio, che tenta l’incursione, ma viene sospinto out. Al 25′ Massari si prende il cartellino giallo e lascia i suoi in inferiorità numerica. Un minuto dopo, Speranza, appena entrato, realizza la meta che chiude i conti. Bellazzo fa 100% al calcio (35-10) e sancisce una bella domenica.

Successo anche per l’Under 18 di Wady Garbet, che, nel primo turno di ritorno della fase interregionale, travolge il Cuneo Pedona per 92-0. Il XV cussino è composto da Mastrodonato (st Cherubin), Bussolino, Cisi (8′ pt Gianusso), Sacco, Bartoletti (st Edoardo Denunzio), Reeves, Campagna, (st Sigot), Ghigo, Pavone, Fissore, Bosco, Stecco (st Ilucas), Ragazzini, Cossolo (st Vetturini), Rubinato (st Trovato). I cuneesi rispondono con Rezzaro, Dogliani, Braganton, Marchisio, Prelli, Alifredi, Brascher, Malavolti, Degioanni, , Giuliano, Fontani, Costa, Dutto, Olla, Renaudo. In panchina Gandolfi, Sommacal e Canavese. Arbitra Francesco Orsini di Torino. Il match si sblocca subìto grazie a Sacco, che parte da metà campo e va a bersaglio, per la trasformazione di Reeves (7-0). Al 3′ Bosco riceve al volo l’ovale proveniente da un calcio e non lascia scampo alla difesa ospite (Reeves preciso per il 14-0). Aumentano il bottino Stecco al 6′,Ghigo al 9′ e all’11’, Bussolino al 14′, Fissore al 22′ e Sacco al 34′. Reeves trasforma sempre e a metà gara il punteggio è di 56-0. La musica non cambia nel secondo tempo con le mete al 5′ di Stecco, al 14′ di Bussolino, al 21′ e al 27′ di Reeves, al 23′ di Ghigo e al 30′ di Gianusso. Reeves calcia fra i pali tre trasformazioni e il finale è servito. Mercoledì le due squadre saranno di nuovo di fronte a Cuneo nel recupero del match rinviato domenica 6 marzo per la neve.

Dilagante anche l’Under 14, che all’Albonico segna otto mete e domina il Biella per 52-0, utilizzando 27 atleti e dunque una formazione per tempo. Il Settore Propaganda al 28° Torneo Gispi Rugby Prato – 25° Trofeo Luciano Denti piazza l’Under 12 al quinto posto, dopo aver ottenuto tutte vittorie nel girone ed essere stata battuta per 2 mete a 1 solo dalla Capitolina. Undicesima l’Under 10 in costante crescita. Nel concentramento di Settimo l’Under 8 non trova avversari e si aggiudica la manifestazione.

 

Leave a Reply